Capitali d’Italia: quali città prima di Roma?

Torino, Firenze, Roma , le tre capitali d'Italia

Tutti sanno che Roma è la capitale, ma forse non tutti sono a conoscenza del fatto che prima di lei, di capitali d’Italia ce ne sono state diverse.
Roma infatti divenne capitale solo nel 1871, ben 100 anni dopo l’unificazione del Paese, quando fu annessa al Regno d’Italia dopo la Breccia di Porta Pia, a seguito della quale papa Pio IX fu costretto a ritirarsi, vedendosi concessi solo il Vaticano, il Laterano e la villa pontificia di Castel Gandolfo.

La prima delle capitali d’Italia in ordine cronologico fu Torino, già capitale del Regno di Sardegna e proclamata capitale del nuovo Stato anche se, il 17 marzo 1861, Roma era già stata insignita del titolo di “capitale morale”. Infatti essa e gran parte del Lazio costituivano ancora lo Stato della Chiesa, con il papa come sovrano e le truppe francesi di Napoleone III a difesa.
Per fare sì che queste ultime si ritirassero dallo Stato pontificio, l’Italia, il 15 settembre 1864, firmò con la Francia la Convenzione di settembre, con la quale si impegnava a non invadere Roma e a proteggere il papa da attacchi provenienti dall’esterno.

In cambio la Francia pretese dall’Italia che proclamasse una nuova capitale per dare atto di non essere più interessata a Roma.
La scelta cadde su Firenze, che fu capitale del regno d’Italia dal 1865 al 1871. Firenze fu stravolta per farla adeguare al suo nuovo titolo: si sventrarono diversi quartieri medievali del centro storico e furono abbattute le mura trecentesche di Arnolfo di Cambio.

Se si programma di visitare Firenze e si è indecisi su cosa vedere a Firenze si può scegliere, tra le diverse attrazioni, di percorrere un itinerario attraverso i luoghi che furono deputati a diventare i palazzi del potere nel periodo in cui la città fu capitale.

Palazzo Pitti, ad esempio, fu la sede della nuova reggia, Palazzo Medici Riccardi quella del presidente del Consiglio, mentre il Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio ospitò la Camera dei Deputati e l’antico Teatro mediceo degli Uffizi il Senato. Sarà possibile visitarli tutti qualunque sia il tempo che si è pensato di dedicare alla visita di Firenze. Tutte queste attrazioni si trovano infatti nel centro storico (chiuso al traffico) che si potrà tranquillamente girare a piedi, e sono piuttosto vicine tra di loro.

Se poi volete “prendere due capitali d’Italia in un sol viaggio”, da Firenze è possibile raggiungere rapidamente Roma, (basta un’ora e venti circa di treno). Vi farete un’idea dell’incredibile bellezza che lega queste due città che hanno fatto la storia del nostro Paese.

Leave a Comment